closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

A Kiev il governo è sotto assedio

Ucraina. La protesta filoeuropea diventa nazionalista e anti-Yanukovich. Barricate nella capitale, occupato il Comune. In piazza l’ovest ma critica anche l’est russofono. Il premier sospeso tra Ue e Russia

Ieri a Kiev

Ieri a Kiev

Proseguono le proteste in Ucraina. Ieri i manifestati hanno chiuso l’accesso all’edificio dove ha sede il governo. Un blocco in piena regola, che ha impedito agli impiegati di recarsi in ufficio. Ma quello dell’esecutivo non è l’unico palazzo del potere su cui le attenzioni dei dimostranti si sono concentrate. Nelle ultime ore s’è registrata un’incursione anche alla sede del comune di Kiev. E sulla piazza dell’indipendenza, il più grande slargo di Kiev, s’è materializzata una tendopoli, circondata da barricate tirate su con qualsiasi cosa: panchine, piloni spartitraffico, alberi. L’impressione è che la protesta stia cambiando di segno. Sulle prime si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.