closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

A Jazz by the Sea le radici della migrazione

Musica. Il festival di Fano si confronta con l'attualità. Tra i concerti Mustafa, Aza, Stanley Clarke, Amir Gwirtzman e Anima Mundi, in un cast che fa riferimento alla multietnicità

Stanley Clarke

Stanley Clarke

«Un festival di jazz non può non prendere posizione», dice Adriano Pedini, direttore artistico di Fano Jazz by the Sea, introducendo il primo degli appuntamenti di «Gli echi della migrazione», una sezione che la rassegna propone per il terzo anno. Già, dovrebbe proprio essere doveroso, per festival intitolati ad una musica che affonda le sue radici in una tragica migrazione forzata dall’Africa, che si è sviluppata in un paese popolato di migranti, e a cui hanno dato un grande contributo, accanto alla minoranza afroamericana, comunità di immigrati come quella ebraica e italiana. Dovrebbe essere doveroso, ma non è da tutti....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.