closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

A Hong Kong per ora vince Pechino

Cina. Il capo dell’esecutivo Leung: «Non mi dimetto». Aperto un dialogo, nessuna occupazione

L’ultimatum degli studenti (dimissioni del capo del governo o occupazione degli edifici pubblici) scadeva alla mezzanotte di ieri, orario asiatico, in una Hong Kong nuovamente occupata da migliaia di manifestanti. Nel pomeriggio la tensione si era leggermente alzata, quando le persone per strada, attraverso i propri leader, avevano accusato la polizia di prepararsi a reagire con lacrimogeni e pallottolle di gomma ad eventuali azioni della piazza. Già prima dell’ultimatum il movimento Occupy, aveva però cambiato i propri obiettivi: niente occupazioni, pur mantenendo viva la richiesta di dimissioni del chief executive. E Leung, in una posizione difficile, per quanto nella giornata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.