closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

A Cosenza sinistra unita contro l’archisindaco Occhiuto

Comunali 2016. Al voto di primavera la novità è il dialogo tra movimenti e partiti. Pd diviso dalle faide, M5s inconsistenti, sindaco uscente alle prese con Himmler, Alarico e Luttwak

Il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto

Il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto

È la terza città del sud, dopo Palermo e Napoli, attesa al voto in primavera. E qui la sinistra riparte unita e dal basso. Il Pd è ai minimi termini, dilaniato da una guerra fratricida. Ben poca cosa i grillini a queste latitudini: litigiosi e inconsistenti. E così si riapre un promettente spazio a sinistra: movimenti sociali, associazioni, partiti e sindacati, tutti insieme, provano a costruire un’alternativa. La proposta è partita da Radio Ciroma, Rifondazione, Usb. Ora si guarda a Sel e ai dissidenti Pd. L’obiettivo è scompaginare le carte sul «modello Accorinti» a Messina. Facendo del comune «un granello...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi