closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

A Cormons il jazz torna a far discutere

Musica. Se c’è una funzione di un festival è quello di fornire da sismografo, per quanto parziale, delle tendenze in atto. Questo accade a Jazz&Wine

Se c’è una funzione di un festival è quello di fornire da sismografo, per quanto parziale, delle tendenze in atto. Da questo punto di vista la ventiduesima edizione di Jazz & Wine of Peace di Cormons sancisce la polverizzazione degli stili e la spinta centrifuga verso altre musiche. I concerti serali al Teatro Comunale hanno confermato l’involuzione di Bill Frisell, l’inossidabile carisma di John McLaughlin e la classe e l’eleganza di Dave Holland. Quest’ultimo con il suo Cross Currents Trio ha presentato il nuovo disco Good Hope, un progetto transculturale con lo specialista delle tablas Zakir Hussain e il sassofonista...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.