closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

A caccia di bracconieri

Storie. Nelle valli bresciane e bergamasche è ancora attiva la caccia con gli archetti e con le trappole metalliche. Abbiamo incontrato chi cerca di fermarla

E’ uno scatto secco quello che si avverte quando un archetto in legno o una Sep, una micidiale trappola metallica, si stringe alle zampe di un pettirosso o alla gola di un cardellino. Una rumore estraneo alle voci di un bosco, una breve nota che ammutolisce un cinguettio e soffoca un respiro. La morte per migliaia di passeriformi, quando in autunno dal nord Europa scendono in Italia percorrendo le valli prealpine della provincia di Brescia arriva così, in modo silenzioso, crudele e vigliacco. Oltre che illegale. In questi territori la cattura degli uccelli migratori è attività antica, storicamente legata alla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi