closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

A 25 anni dalla messa al bando, l’Italia è ancora piena di amianto

Ambiente. Nel 1992 la legge d'avanguardia in Europa, ma oggi la mappatura dei siti inquinati è inadeguata e le bonifiche vanno a rilento. «Asbeschool», il documentario sulle scuole: 62 docenti morti, 350 mila studenti esposti ogni giorno

La ex Fibronit di Bari: i capannoni pieni di amianto si trovano vicino alle abitazioni e ad alcune scuole della città

La ex Fibronit di Bari: i capannoni pieni di amianto si trovano vicino alle abitazioni e ad alcune scuole della città

L’Italia è ancora piena zeppa di amianto: avevamo introdotto per primi, con la legge 257 del 1992, la messa al bando totale, ma a 25 anni di distanza la sua applicazione fa acqua da tutte le parti. Innanzitutto perché non c’è una mappatura adeguata dei siti, mancano regole univoche (il Parlamento sta tentando la strada di un Testo unico) e poi perché le bonifiche richiedono risorse che non si trovano facilmente. Per la prima volta nel Registro italiano dei tumori Airtum sono state riportate 62 morti tra i docenti di scuola per mesotelioma (il tumore specifico causato dall’amianto): secondo i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi