closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

80mila dosi disponibili, somministrazioni al palo

Vaccini. La Lombardia senza un piano vaccinale. La giustificazione della Regione: vaccini consegnati troppo presto. Il fai da te delle Ast

Siringhe contenenti il vaccino prodotto da Pfizer BioNTech

Siringhe contenenti il vaccino prodotto da Pfizer BioNTech

Dopo il certificato flop della campagna vaccinale antinfluenzale, la Lombardia punta a un altro primato: quello per il minor numero di vaccini anti-covid somministrati. Stando ai dati forniti dal Ministero della Salute - gli unici disponibili, visto il silenzio del Pirellone - delle 80.595 dosi consegnate alla Lombardia - il numero più alto in Italia e quasi il doppio rispetto a Sicilia (46.510), Lazio (45.805) ed Emilia Romagna (43.875) - ne sono state somministrate 2.171. Solo il 2,7% del totale (dati aggiornati alle 13.45 di ieri). Una percentuale insignificante se paragonata al numero di dosi ricevute e all’incidenza del covid...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi