closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

5.021 arresti in Russia, la protesta di Ue e Usa

Russia. Il dissenso politico catalizzatore del grave disagio sociale. Manca una vera opposizione

Prosegue l’ondata di arresti nella Federazione Russa ai danni dei sostenitori dell’oppositore Aleksej Naval’nyj, a seguito delle manifestazioni organizzate nelle maggiori città del paese per protestare contro il suo arresto il 17 gennaio scorso. Numeri importanti, che segnano un record storico: l’organizzazione per i diritti umani Ovd-Info ha infatti segnalato il fermo di 5.021 persone – 1.650 solamente a Mosca – durante le proteste del 31 gennaio, mentre il ministero dell’Interno non ha ancora pubblicato dati ufficiali sul numero degli arresti. Nel mirino delle autorità anche Kira Jarmysh, portavoce di Naval’nyj per la quale il tribunale del quartiere Basmannyj di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi