closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

31 anni fa la strage più silenziosa, «ce lo dissero solo le mosche»

I campi palestinesi di Sabra e Chatila nel 1982

I campi palestinesi di Sabra e Chatila nel 1982

Fu un massacro silenzioso. Il peggiore tra quelli subiti dal popolo palestinese. Una mattanza che, nei desideri dei carnefici, doveva generare orrore e intimorire per decenni i palestinesi. Accadde 31 anni fa nei due campi rifugiati di Sabra e Shatila, alla periferia di Beirut. Circa 3000 civili – tra cui donne e bambini – furono assassinati fra il 16 e il 18 settembre 1982 dalle milizie cristiano-falangiste libanesi, con la copertura dell’esercito israeliano aveva invaso il Paese dei Cedri il 6 giugno sotto la direzione dell’allora ministro della difesa israeliano Ariel Sharon. Dopo l’evacuazione da Beirut dell’Olp e dei guerriglieri...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi