closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

1977. L’anno dello sciopero umano

77 Contro il presente. Il movimento del 1977, 40 anni dopo. Non c’è ragione di avvilire la vita per sottometterla, non c’è ragione di travestirsi da liberi professionisti, presidenti, ministri: possiamo vivere insieme senza maschere condividendo tutto e generando allegria. Ogni altro comunismo è impossibile

I segni di vita clandestina del ’77 dentro tutti noi sono un fatto incontestabile, il ’77 è vivo, ma lotta contro di noi e perciò lo dimentichiamo. E lui ritorna. PERCHE' NESSUN MOVIMENTO, PRIMA E DOPO DI LUI, riuscì a far parlare e tacere l’inconscio in modo così giusto, nessun movimento, prima e dopo di lui, fece promesse altrettanto belle e ambiziose senza poterle mantenere. Il ’77 ci ha dimostrato che il linguaggio benpensante della politica in democrazia - anche di quella sovversiva e rivoluzionaria - è prigioniero della stessa gabbia composta dalle istituzioni e dai morti viventi che le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi