closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Per Navalny quindici giorni di carcere. Mosca: «Cortei provocazione»

Russia. Centinaia di arresti dopo le proteste in diverse zone della Russia. L’ambiguità del «dissidente» tra ultranazionalismo e liberismo

Alexei Navalny davanti ai giudici del tribunale Tverskoi di Mosca

Alexei Navalny davanti ai giudici del tribunale Tverskoi di Mosca

La sensazione è che siano stati tutti colti di sorpresa. Le proteste «anti corruzione» che hanno caratterizzato il week end russo (non solo a Mosca ma in molte parti del paese) e che hanno portato all’arresto di centinaia di persone compreso l’ideatore delle manifestazioni, Alexei Navalny, sembrano essere state un avvenimento inaspettato tanto dalla dirigenza russa quanto dallo stesso «dissidente». Per il giornalista del Guardian Alech Luhn, fermato insieme ad alcuni manifestanti, gli arresti a Mosca sarebbero stati nell’ordine di un migliaio e avrebbero coinvolto per lo più giovani. Luhn ha avuto la possibilità di parlare con alcuni dei ragazzi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi