closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:

Abbonati al manifesto digitale ed accedi da web e app per € 20.00 al mese, o €199.00 l’anno.

Abbonati ora

Salvini spara a salve

Andrea Fabozzi

Il Senato vota oggi il calendario della crisi. Lo ha deciso la presidente Casellati tra le proteste di Pd e Leu. Renzi si piazza di traverso e convoca la stampa per annunciare la proposta di governo istituzionale contro Zingaretti. Solo adesso Salvini pronto a dimettersi

L’ipotesi migliore è la più difficile

Massimo Villone

Tre opzioni in campo: governo di servizio e nuove elezioni subito, governo di qualche mese per una nuova legge elettorale, governo di legislatura. Le prime due potrebbero essere un assist a Salvini, la terza è da preferire perché consentirebbe di disfare il malfatto fin qui, e ritrovare la Costituzione perduta

Baciare il rospo?

Norma Rangeri

Questa legislatura è nata male, da un accordo parlamentare tra due partiti che in campagna elettorale avevano chiesto il voto uno contro l’altro. Ma proprio per questa ragione adesso si deve tornare in Parlamento e lì tentare di trovare una nuova maggioranza.

Gallo, 5S: «Chiudiamo con il passato»

Giuliano Santoro

“In senato è stato sconfitto uno che dopo essere stato vigile del fuoco, poliziotto, ministro, voleva fare anche il presidente della Repubblica”

Il doppio slalom di Renzi e Zingaretti

Andrea Colombo

Crisi di governo. L’ex premier del Partito democratico: «Le condizioni del segretario sono da accogliere»

Cgil, Cisl e Uil contro le «alchimie»: «Risposte sul lavoro»

Massimo Franchi

Smentita l’asse per il governo Pd-M5s. «Serve continuare nel dialogo sociale, come ha chiesto il presidente Mattarella»

Dopo i soldi, la crisi di governo. Il nuovo ponte di Genova a tappe forzate

Giulia Mietta - Genova

Inaugurazione prevista nella primavera 2020, ma c’è l’incognita delle macerie

Abitanti isolati e povertà, la Valpolcevera è in ginocchio

Giulia Mietta - Genova

Disagio sociale, mortalità superiore al resto della città, la zona sotto il ponte Morandi soffre una drammatica crisi

il manifesto nella «top ten» dei giornali digitali più venduti

Matteo Bartocci

Qui al manifesto ci siamo messi davvero in gioco. Gli ultimi dati di vendita relativi all’Ads di marzo, ad esempio, ci vedono al decimo posto per vendite digitali “vere”, al netto degli sconti (sopra le 2.500 copie al giorno). Ma vogliamo fare di più. E bisogna rompere, tanto.

Il duro muro della realtà

Norma Rangeri

Chi vuole eliminarci sa che si scontrerà con i nostri lettori. Che avranno a disposizione un serissimo gioco collettivo, iorompo.it, una inedita testata online, la trincea da cui colpiremo e abbatteremo il muro del governo, con una campagna di crowdfounding che diventerà patrimonio di tutti.

 

10pol1-macaluso-lapresse1

Macaluso: «Una destra pericolosa, nessuno ora indebolisca il centrosinistra»

Daniela Preziosi

Il dirigente comunista: la fortuna di Salvini è colpa dei 5s. Sono recuperabili? Se perdono

Rino Formica: «È l’ultima chiamata prima della guerra civile. Ora il Presidente parli»

Daniela Preziosi

L’ex ministro socialista: «Solo un’autorità morale e politica può mobilitare la calma forza democratica dell’opinione pubblica»

02pol1-luciano-canfora-01

Canfora: «Serve una vera socialdemocrazia, così la sinistra tornerà rivoluzionaria»

Daniela Preziosi

«Pd paralizzato, chi non vuole fare l’eremita riprenda l’insegnamento di Brandt, sarà una scelta radicale»

La priorità assoluta è un altro ministro al Viminale

Massimo Villone

Sul ministero dell’interno poggia il procedimento elettorale e al Viminale c’è il Salvini candidato premier che chiede pieni poteri. Basta pensare che spot sarebbe per lui un barcone di disperati…

L’utilizzatore finale della sceneggiata

Marco Revelli

Salvini (ancora lui!), in fondo l’utilizzatore finale della sceneggiata, a cui il combinato disposto dell’insipienza 5s, del gioco al massacro renziano nel Pd e dello stato comatoso di Forza Italia, permette di tenere il governo – e col governo il Paese – appeso al proprio dito

Non cadiamo nel baratro populista

Nadia Urbinati

Crisi di governo. Sembra di capire che il Partito democratico preferisca un governo chiaramente salviniano per potersi meglio fare le ossa e crescere nei consensi grazie alla polarizzazione

TENSIONE A HONG KONG

A Hong Kong si mette male. Cina: «Proteste sono terrorismo»

Simone Pieranni

I media cinesi mostrano assembramenti di truppe a Shenzhen. Voli annullati nell’ex colonia britannica fino a stamattina per i sit-in organizzati in aeroporto. Week end di scontri: la polizia ha usato gas lacrimogeni contro i manifestanti

11europa-russia-ansa-

Mosca, il pugno duro di Putin non ferma la protesta

Yurii Colombo - Mosca

In 45mila per le strade della capitale, un fiume in piena per libere elezioni e più diritti. Il movimento potrebbe mettere alle corde non solo il sindaco ma anche il Cremlino

24est2-f01-yelena-grigoriyeva-russia-attivista-uccisa-russia-da-facebook

Elena lottava per pace e diritti Lgbtqi: uccisa

Yurii Colombo - Mosca

San Pietroburgo, la russa Grigoreva minacciata di morte da ex volontari secessionisti in Donbass. Ed era nella «lista nera» omofoba. La polizia non ha ancora sospetti, gli amici: omicidio politico. E i media oscurano la notizia

I naufraghi dell’Open Arms chiedono asilo

Adriana Pollice

Il garante Mauro Palma. «La giurisdizione è dell’Italia». Richard Gere porta i viveri sulla nave

Respinto il ricorso del Viminale contro la residenza per i richiedenti asilo

Redazione Interni

Bologna. La decisione del tribunale. Il ministero dell’Interno si era opposto a una decisione dei giudici che contraddiceva quanto previsto dal primo decreto sicurezza

ExtraTerrestre

«A Civitavecchia c’è una correlazione tra l’incidenza dei tumori e il traffico navale»

Serena Tarabini

I porti italiani sono quelli preferiti dalle navi da crociera. Con i 10,4 milioni di passeggeri raggiunti nel 2017 e un tasso di crescita[...]

ExtraTerrestre

Viaggiare lenti per gustarsi la vera Sicilia

Michela Marchi

Dietro a una preparazione tradizionale, a una varietà vegetale, una razza animale può esserci una lunga storia. E attorno a ogni prodotto o preparazione[...]

ExtraTerrestre

Rolling Stone e la vigliaccheria contro i ciclisti

RotaFixa

Sto seguendo, un po’ da lontano ma con sentimenti che spaziano dal disgusto alla rabbia, la stupidissima polemica sollevata da un recente post del[...]

ExtraTerrestre

Argentiera, un gioiello di Sardegna

Costantino Cossu

Hanno cominciato i proconsoli della Roma imperiale a estrarre minerali dalle viscere del promontorio che chiude a sud ovest l’attuale cala dell’Argentiera, sulla costa[...]

ExtraTerrestre

Fin che la barca va. Il mar Mediterraneo soffoca nei gas tossici

Serena Tarabini

Dei veri e propri colossi solcano quotidianamente i mari, compaiono all’orizzonte, attraccano e stazionano nei porti. Pensiamo ad esempio alle navi da crociera: le[...]

ExtraTerrestre

Resistere agli eventi estremi

Tonino Perna

Di fronte ad «eventi estremi» che diventano sempre più frequenti usiamo, a partire dall’Occidente, sempre più la tecnologia energivora per difenderci dalle ondate di[...]

MITI

American first

Alessandro Portelli

Scompare all’età di 88 anni Toni Morrison, tra le più grandi scrittrici del ’900, femminista, militante contro l’oppressione razziale, prima afroamericana Nobel per la letteratura nel 1993. Da «Amatissima» a «Sula», i suoi ritratti di donne sono indimenticabili

TRUMPLAND

«Dopo ogni mass shooting si vendono più armi»

Marina Catucci - New York

Intervista al ricercatore della New York University, Maurizio Porfiri: «La tendenza delle persone ad acquistare armi dopo una strage non è data dal timore per la propria sicurezza, ma dalla paura che vengano emanate leggi più severe sul loro acquisto»

The Donald: «La colpa non è delle armi, ma dei malati mentali»

Marina Catucci - New York

La doppia strage in Ohio e Texas costringe il presidente a una parziale presa di distanza anche «contro il razzismo e l’intolleranza»

Il suprematismo ora fa strage a volto scoperto

Luca Celada - Los Angeles

Dietro l’attentatore di El Paso. Patrick Crusius, supporter di Trump, aveva target preciso: gli elettori ispanici della città più meticcia

In Italia le maglie si allargano, la lobby delle armi sorride

Giorgio Beretta*

Arsenali privati. Il governo Conte ha raddoppiato il numero di armi sportive detenibili invece di ridurlo

LAVORO

Landini: «Salvini è pericoloso ma non inseguiamolo, serve azione collettiva»

Massimo Franchi

Intervista al segretario della Cgil. «Non vado al Viminale, grazie alla mobilitazione Conte ci ascolta Se non seguirà le nostre proposte in Stabilità torneremo in piazza». «Nessuna piattaforma con Confindustria, rinnovi i contratti. Il decreto Sicurezza è fascistoide? Il problema non è la Lega ma non lasciar sole le persone che si sono impoverite»

Il primoeditoriale: Siamo di fronte ad una fase nuova

***

Si è lontani dalla chiarezza teorica e dalla capacità di mobilitazione necessarie per dare a tutta la sinistra una nuova dimensione politico-operativa. Ma favorire questo processo in modo aperto, con alcune scelte pregiudiziali, anche individuali, è già azione politica. In questo spirito, non certo con la presunzione di un «richiamo alle origini» e al grido di battaglia del 1848, abbiamo chiamato questa rivista «Il Manifesto»: per sottolineare il bisogno, che sentiamo presente nei sentimenti e nella ragione di tanti compagni e di tanta parte della società contemporanea, di un riferimento ideale, nella ricerca di quell’unità di ispirazione delle forze rivoluzionarie oggi per tanti aspetti compromessa

ROMANISTAN

***

Un viaggio da Bologna all’India sulle tracce dei rom e dei sinti. Ogni venerdì, per sei puntate, sul sito del manifesto l’artista Luca Vitone racconterà dove si trova e lo stato delle cose

Romanistan, il viaggio è partito

Luca Vitone

Prima tappa. Il viaggio parte a Bologna in orario. Oggi siamo appena arrivati a Sofia, Bulgaria e abbiamo attraversato senza problemi, le frontiere di Slovenia, Croazia, Serbia, Romania e Bulgaria.

Indira Ghandi e i Rom “indiani di oltre oceano”

Luca Vitone

Seconda tappa. In vista della lunga strada che ci porterà, tra una settimana, a Teheran, facciamo una tappa tecnica in Cappadocia prima di lasciare l’Europa

Un salto aereoportuale tra Turchia e Georgia

Daniele Caspar

Terza tappa. Una settimana spesa in un attraversamento che ci ha sbalzati dalle prime grandi distese polverose e depresse dell’Asia minore alle verdi foreste georigiane

Come gocce d’acqua assorbite da un terreno arido

Daniele Caspar

Quarta tappa. Abbandonato il paesaggio ancora per certi versi europeo dell’Armenia, entrare in Iran è come tuffarsi in un altro continente

Tra i Sindhi, gli «stranieri in patria» della valle dell’Indo

Daniele Caspar

Quinta tappa. Dall’Iran al Pakistan, con una temperatura che varia tra i 40° e i 45° e un paesaggio desolato e secco. Fino a raggiungere la valle del grande fiume

Chandigarh, "città perfetta" nel dist-urbanismo indiano

Daniele Caspar

Sesta (e ultima) tappa. La risalita alle origini si è rivelata come una piccola lezione di ontologia. All’origine dell’origine si trova l’indistinto

Sulle strade zingaresche

Lorenza Pignatti

Intervista. Un incontro con Luca Vitone, alla vigilia della sua partenza per il progetto Romanistan, un viaggio da Bologna all’India sulle tracce dei rom e dei sinti

Inserti, libri, dvd e molto altro

LE CUCINE LETTERARIE

Le tavole della letteratura sono sempre state imbandite. A volte, il cibo stesso, un ingrediente, una ricetta, una tradizione conviviale sono stati i motori della narrazione. Si sono trasformati in personaggi, assumendo su di loro temi simbolici, rappresentando la vita, la morte, il destino, le emozioni. Fino a fine agosto, pubblicheremo una serie di pagine dedicate a romanzi con qualcosa da mangiare. Il logo delle nostre «Cucine letterarie» è «Kitchen range» di Roy Lichtenstein, un’opera del 1962

Dialoghi sulla vita intorno all’asado

Francesca Lazzarato

Cucine letterarie / 2. L’importanza dell’arrosto bovino nella scrittura dell’argentino Juan José Saer: l’accensione del fuoco e del suo farsi brace diventa il fulcro di una spirale introspettiva sui temi della colpa e della morte

Gli avanzi allegri, a notte fonda

Laura Fortini

Cucine letterarie / 1. «Casalinghitudine» di Clara Sereni: ricette per assaporare storie antiche. I crostini saporiti, fatti con pane fresco invece che con quello raffermo: «bisogna pur sprecare qualcosa, per recidere un cordone ombelicale»

L’ombra dell’apartheid nel noir del nuovo Sudafrica

Guido Caldiron

Karin Brynard. Intervista alla scrittrice di lingua afrikaans, interprete e testimone delle trasformazioni della cultura locale. «I nostri padri» (e/o), propone una drammatica immersione nelle contraddizioni irrisolte del paese

Don Winslow e il noir implacabile dello Studio Ovale

Andrea Colombo

Miti letterari. Il terzo e conclusivo volume della saga: «Il confine», per Einaudi. John Dennison/Donald Trump non è il primo che, con una mano, aiuta o si avvale dei trafficanti mentre con l’altra costruisce muri o chiude porti

K. C. Constantine e i fantasmi senza pace della Rust Belt

Guido Caldiron

«Lo scambio perfetto». Per Carbonio il romanzo dello scrittore statunitense che, come già Chester Himes e Mickey Spillane ha saputo portare il romanzo poliziesco in un territorio perlopiù inesplorato dove il crime ha uno sguardo «politico»

Alchimie letterarie tra le molecole dell’esistenza

Claudio Vercelli

Sull’importanza morale, civile ma anche politica di Primo Levi, molto si è scritto e altro ancora si aggiungerà nei tempi a venire. Per più aspetti, la sua figura abita e accompagna, attraversandolo con acribia quasi filologica, l’intero Novecento

America, un anno all’insegna di Primo Levi

Fadil Moslemani

Centenari. Molte le iniziative, letture e convegni sullo scrittore piemontese. Che controbilanciano la freddezza con cui fu accolta la traduzione in inglese di «Se questo è un uomo» (nel 1959)

Quello pseudonimo al crocevia di una vita

Guido Caldiron

Per Neri Pozza, “Quando Primo Levi diventò il signor Malabaila” di Carlo Zanda che ricostruisce come nell’estate del 1966 i responsabili di Einaudi chiesero a Levi di firmare con uno pseudonimo i racconti “di fantascienza” di “Storie naturali”

Psichedelia, dove osano le menti

Matteo Guarnaccia

Storie/Un mondo di musiche «allargate», note ibridate e «experienced». A 50 anni da Woodstock . Stati Uniti e Gran Bretagna inseguono lo stesso sogno percorrendo strade diverse. Nell’era dei «gatti d’argento»

La carica dei nipotini acidi, dai Tame Impala ai Pontiak

Roberto Peciola

La musica psichedelica, nelle sue varie forme, non ha mai smesso di affascinare e di fare proseliti. Qui vogliamo soffermarci su alcune delle formazioni nate negli ultimi anni che hanno saputo dare una spinta al genere

Roky Erickson, il signore degli alieni

Francesco Adinolfi

Miti/L’inquieta e insana vita del leader dei 13th Floor Elevators. Tra vampiri, demoni, case di cura e una lunga carriera solista. Il rocker texano ha ispirato dai Rem agli ZZ Top ai Black Angels

djamila1-copia

Il riflesso abbagliante di Djamila Bouhired

Eugenio Renzi

Dal tribunale al grande schermo: storie di donne sotto accusa. La combattente algerina del Fln condannata a morte nel 1958 e poi graziata. La sua figura nel film di Youssef Chahine, in «La battaglia di Algeri» di Pontecorvo e «L’avvocato del terrore» di Barbet Schroeder

VISIONI

Viaggio senza fine sul fiume di «Apocalypse Now»

Giovanna Branca - Bologna

Incontri. Parla Francis Ford Coppola, che al Festival del Cinema Ritrovato di Bologna presenta il Final Cut del suo capolavoro del 1979

Ricevi ogni mattina l’edizione digitale nella tua casella email

Gratis, niente spam, zero pubblicità. Provalo, puoi disiscriverti facilmente in qualsiasi momento.

Politica

L’ultima inutile capriola di Salvini: «Se volete, continuiamo»

Andrea Fabozzi

«L’unica nostra arma è rompere questo isolamento mobilitando i nostri lettori nella campagna iorompo.it, una battaglia da cui usciremo vivi o morti, come quella che ci portò all’acquisto della testata, ormai tre anni fa. Così oggi: o riusciremo a mettere nella nostra cassetta di sicurezza 1 milione e 200 mila euro (quel che il governo ci taglierà), o non potremo fare miracoli. Di questo chi va in edicola o si abbona al giornale deve essere consapevole, fino in fondo.»

Norma Rangeri “#iorompo”
Internazionale

Fuga da Gaza, Israele la facilita

Michele Giorgio

Europa

Il freno sul caro affitti in Germania è ammissibile

Sebastiano Canetta