closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

13, un grappolo di luce su pellicola

Oriente Estremo. Esiste una sorta di connessione solare che attraversa una particolare zona periferica del cinema giapponese, quella dove cinema sperimentale, fotografia e arte documentaria si mescolano...

Esiste una sorta di connessione solare che attraversa una particolare zona periferica del cinema giapponese, quella dove cinema sperimentale, fotografia e arte documentaria si mescolano. Il fotografo e cineasta Hiroshi Yamazaki (1946-2017) ad esempio, dopo aver dedicato gran parte della sua carriera alla realizzazione di fotografie a lunga esposizione del sole, nel 1979 corona questo percorso con il cortometraggio «Heliography», uno dei film sperimentali più importanti per la storia del genere nell’arcipelago in cui, come indica il titolo, il sole è collocato al centro dell’universo filmato, mentre è tutto il resto a muoversi attorno, orizzonte, cielo e città. Una vertigine...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi