closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Pomezia, la polizia sgombera (con molta forza) le addette alle pulizie di una scuola

Lavoro. Violenta irruzione dei poliziotti in un plesso scolastico occupato da alcune lavoratrici che stavano protestando per la riduzione dell'orario di lavoro e dello stipendio. Per il sindaco pentastellato di Pomezia lo sgombero è stato "assolutamente pacifico". La Cgil, invece, parla di "gravissimo atto di violenza". Sullo sfondo, 25 mila posti di lavoro a rischio in tutta Italia

La signora Serena ha 56 anni e lavora come addetta alle pulizie in un plesso scolastico. Ieri, per la prima volta, ha conosciuto la polizia. Sono venuti a prendere proprio lei. Con le sue colleghe tre giorni fa aveva occupato la scuola Trilussa di Pomezia (Roma) per difendere il posto di lavoro messo a rischio da una gara di appalto nazionale che taglia del 40% stipendi che sono già sotto la soglia di povertà. La signora Serena sa di aver compiuto un gesto in qualche modo estremo, occupare una scuola, ma lo ha fatto, dice, “perché devo vivere”. La sua...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.