closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Paraguay, l’odissea giuridica di cinque «senza terra»

Curuguaty. Il 15 giugno 2012 gli scontri durante un’occupazione di campi usurpati servì da pretesto per la destituzione del presidente progressista Fernando Lugo

Paraguay, manifestazione di sostegno ai contadini arrestati dopo gli scontri di Curuguaty

Paraguay, manifestazione di sostegno ai contadini arrestati dopo gli scontri di Curuguaty

Si chiama Juana Evangelista Martínez. Ha sei figli, dodici anni il maggiore, cinque il più piccolo. A volte piange perché non ha cibo per loro. Non ha terra da coltivare, e abita in una casa che le è stata prestata. Mormora: «Tutto quello che posso fare è lavare biancheria e guadagnare pochi spiccioli». Suo marito le manca. Si chiamava Arnaldo Ruiz Diaz. Fu ucciso dalla polizia il 15 giugno 2012, ad alcuni chilometri da Curuguaty, a nord-est della capitale Asunción. All’epoca, la tragedia fece molta impressione in Paraguay. E a ragione: fu il pretesto che serviva per rovesciare il presidente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.