closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Messico, intervista a Marichuy: «Una candidatura dal basso e femminista»

Messico. Intervista a Marichuy proposta alla presidenza del Messico dagli zapatisti, durante il suo tour per raccogliere le firme necessarie

La candidata indigena zapatista Marichuy durante il suo tour alla ricerca delle firme necessarie per partecipare alle elezioni presidenziali in Messico

La candidata indigena zapatista Marichuy durante il suo tour alla ricerca delle firme necessarie per partecipare alle elezioni presidenziali in Messico

Il viaggio senza sosta di Marichuy, iniziato a metà novembre alla ricerca delle firme necessarie per rendere reale la sua candidatura a presidentessa del Messico, si è fermato solo a inizio gennaio. Una pausa solo «spaziale» perché i giorni a Città del Messico sono serviti per riunioni di verifica, valutazione e coordinamento tra i delegati del «Congreso Nacional Indigena», la società civile e gli intellettuali che supportano il percorso. Tra una riunione e l’altra Marichuy ha dialogato con la stampa nazionale e internazionale. Sono quasi un milione le firme necessarie per rendere reale e «sostanziale» una candidatura fuori dai partiti; si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi