closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’hobbit libertario di Wu Ming 4

Punti vista. «Difendere la Terra di Mezzo» per la casa editrice Odoya. «Il signore degli anelli» di Tolkien letto come un grande affresco dove il centro della scena è occupato da una critica anarchica del potere

Un libro da battaglia e una battaglia vinta. L’opera di Tolkien era stata confinata nel regno della letteratura di consumo, di «evasione», per l’infanzia. Per giunta, nel vuoto di interesse dei critici e dei lettori di sinistra, negli anni Settanta la destra, desiderosa di colonizzare un immaginario, aveva provato a ghermire la Terra di Mezzo di Tolkien: un caso solo italiano, in controtendenza con il successo de Il signore degli Anelli nei movimenti hippie e alternativi dei paesi anglofoni. Che il noir e la periferia di Alphaville fossero luoghi tutt’altro che irrilevanti, era già stato acclarato, e sarebbe un suicidio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.