closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Le banche vogliono più cybersicurezza, la politica no

Hacker's Dictionary. Lo stesso giorno in cui la politica bisticcia sulla Fondazione per la cybersicurezza voluta da Conte, il presidente delle banche italiane, Patuelli, avverte: “Attenti alla pandemia informatica”. Le banche investono in tecnologia, ma non basta, il pubblico deve fare la sua parte

Una ragazza controlla lo smartphone. Madrid

Una ragazza controlla lo smartphone. Madrid

Il Presidente dell'Associazione Bancaria Italiana, Antonio Patuelli, ha affermato che bisogna prepararsi anche all'imprevedibile, come l'eventualità di una "pandemia informatica" che riguardi Internet. Ha ragione da vendere. La notizia, battuta dalle agenzie, arriva nello stesso giorno in cui il governo decide di stralciare dalla Finanziaria l’articolo sull’istituzione di una Fondazione per la cybersicurezza coordinata dal Presidente del consiglio. Idea già presente nel decreto Gentiloni del 2017 che all’epoca vide l’opposizione dei Cinquestelle perché “troppo orientata al privato” e che stavolta è naufragata per gli equilibrismi della maggioranza, con Italia Viva e Partito Democratico sulle barricate perché in disaccordo sulla gestione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi