closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

L’accoglienza dei profughi a Barcellona e Madrid: due esempi virtuosi

Spagna. Risorse e strutture per accogliere i rifugiati

Mentre il governo conservatore del premier Mariano Rajoy frena sull’accoglienza dei profughi, i municipi di sinistra mostrano l’altro volto della Spagna. Quello solidale. E le differenze fra opposti schieramenti politici, come dovrebbe essere sempre, emergono molto chiaramente. A guidare le città che dicono «refugiados bienvenidos» è Barcellona, la cui sindaca Ada Colau (nella foto reuters) è stata la prima a prendere l’iniziativa. La giunta guidata dall’ex attivista dei movimenti anti-sfratti ha deciso di creare un «registro dell’accoglienza»: tutte le famiglie che intendono dare un aiuto concreto ai migranti – ospitandoli a casa propria o semplicemente donando denaro o generi di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi