closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

I fantasmi della giovinezza non sanno sedurre

Cannes 68. Filosofia e vite sospese in «Youth» di Paolo Sorrentino. Come il precedente, il film condivide anche la visione di un mondo riflesso negli occhi maschili del protagonista

L'immagine della locandina di Youth

L'immagine della locandina di Youth

È uno strabismo la giovinezza, mito letterario fuori dal tempo, e illusione fragilissima e dolorosa che prende forma nel rimpianto dei giorni, del corpo, della pelle che cede, della mente che va via, degli occhi del mondo che guardano altrove. Eppure «i giovani», categoria divenuta consumo nella modernità, sono la bandiera di politici e opinionisti di destra e di sinistra sembrano non essere consapevoli dello stato di grazia dell’età, come se la passione per la giovinezza sia più il fantasma della vecchiaia, la proiezione dei suoi rimpianti, di un passato che diviene futuro. In questo luogo eterno dell’immaginario si immerge Paolo Sorrentino...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi