closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 14.01.2016

Nel Pd è caos sulle Unioni civili. Il gruppo di Palazzo Madama esplode e stavolta Renzi non controlla i fedelissimi. Scontro tra il capogruppo Zanda e il suo vice Lepri. L’ala cattolica insiste per la cancellazione della "stepchild adoption". E l’esame del ddl Cirinnà sui diritti delle coppie omosessuali slitta ancora

Politica

Renzi slitta sulle unioni civili

Carlo Lania

Rinviato l’esame del provvedimento. Il governo vuole prima mettere al sicuro la riforma costituzionale e la nomina dei presidenti di commissione. A costo di discutere sulla sua sfiducia

Scalfarotto: “E’ ora di approvare questa legge così com’è”

Luca Fazio

Il ddl Cirinnà arriverà in aula al Senato il 28 gennaio e per il sottosegretario alle riforme costituzionali ormai non c'è più spazio per mediazioni al ribasso: "Abbiamo i numeri e se nel voto a scrutinio segreto qualcuno deciderà di non votare questa legge dovrà assumersene la responsabilità"

Riforma, il do ut des di Renzi

Andrea Fabozzi

La seconda lettura sul ddl Bochi anticipata a martedì 20. Il voto finale della camera non può arrivare prima di metà aprile. Però il governo ha fretta di blindare la maggioranza assoluta. Subito dopo accontenterà Alfano con le poltrone delle commissioni e dell'esecutivo

Quarto, il lungo assedio

Adriana Pollice

La sindaca Capuozzo racconta alla consigliera Aprile: «Io non mi fermo». E a Di Maio «ho detto che ci dobbiamo vedere». Chiesto l’arresto del consigliere espulso da M5S, De Robbio. L’informativa inviata alla Dda.

Italia

Roma, il commissario Tronca vuole sgomberare l’atelier Esc

Roberto Ciccarelli

A Roma gli spazi sociali autogestiti entrano nel mirino del Commissario Tronca: Esc, Auro & Marco e molti altri. «Vogliono chiudere uno spazio politico creato in anni nei sei mesi di commissariamento, prima delle prossime elezioni comunali e durante il Giubileo» sostengono gli attivisti

Usa la mail aziendale per fini privati, per la Ue giusto metterlo alla porta

Riccardo Chiari

Una sentenza della Corte di Strasburgo sfavorevole a un dipendente rumeno controllato e licenziato (per scarsa produttività) riaccende le polemiche. Il garante italiano per la privacy Soru: "Da noi il lavoratore deve essere prima informato". A settembre Soru era perplesso sulla legge, giudicata troppo invasiva.

Editoriale

Obama, ieri oggi e domani

Guido Moltedo

Il lascito antirazzista di Barack. L’islamofobia di Trump (mai nominato) al centro dell’ultimo discorso del presidente sullo Stato dell’Unione.

Lo strano caso dei 10 marinai detenuti dai pasdaran

Chiara Cruciati

Dopo poche ore Teheran rilascia i marinai fermati nello Stretto di Hormuz. La Casa Bianca ringrazia e smorza le tensioni, la Repubblica Islamica tiene il punto e salva lo stop alle sanzioni

Turchia, «seduti su una bomba a orologeria»

Fazila Mat

Dopo l’attentato a Sultanahmet, non ancora rivendicato, la stampa prova a sottolineare «l’accondiscendenza dimostrata ai gruppi jihadisti per rovesciare Assad» da parte del governo

Marò, per Latorre arriva la quarta estensione della licenza

Matteo Miavaldi

La decisione della Corte suprema di ieri può essere interpretata come l’ennesimo segnale distensivo in una vicenda che si protrae ormai da quasi quattro anni, con pesanti ripercussioni sui rapporti bilaterali tra India e Italia

«Margot Wallstrom è una antisemita, non è gradita in Israele»

Michele Giorgio

Sono pesanti le accuse che i rappresentanti del governo Netanyahu hanno rivolto ieri alla ministra degli esteri svedese "colpevole" di aver chiesto un'inchiesta sulle uccisioni sul posto dei palestinesi che compiono o tentano attacchi con i coltelli, a suo giudizio vere e proprie "esecuzioni extragiudiziali"

Il confine, un luogo eccentrico

Angelo Ferracuti

Nel libro «La frontiera» di Alessandro Leogrande per Feltrinelli si ripercorre la storia di una linea immaginaria fatta di infiniti punti e attraversamenti. Senza mai rimuovere le ragioni vere che spingono a viaggi disperati

Nollywood, l’immaginario venuto dal basso

Francesca Giommi

In due libri scritti dallo studioso Alessandro Jedlowski, la storia di un'industria cinematografica che rappresenta l'1,2% del Pil nigeriano e che non sempre piace agli intellettuali

Una barriera mobile

Giuliano Battiston

Con un reportage narrativo Alessandro Leogrande, in «La frontiera», racconta il sogno rivoluzionario di conquistarsi una nuova vita altrove, che spesso diventa un incubo

Passaggi tra i vetri rotti della storia

Giacomo Giossi

« Non luogo a procedere» di Claudio Magris per Garzanti. La cura certosina di un museo diviene il tempo e lo spazio per assemblare la memoria della guerra

I FILM DELL'ANNO

Il gioco del cinema che verrà

Cristina Piccino e altri

Titoli per la nuova stagione. In attesa dei primi grandi appuntamenti festivalieri, Sundance, Rotterdam, Berlinale, verifiche sempre molto incerte dell’immaginario. Fuori i nomi: Martin Scorsese e Avi Mograbi, Clint Eastwood e Amir Naderi, Werner Herzog e Giankian-Ricci Lucchi. E poi: Bertrand Bonello e Lucrecia Martel, Lav Diaz e James Gray, Fred Wiseman e Alex Proias